Bologna - Bartleby si difende!

Niente polizia per Bartleby, ma gli operai ancora non arrivano

Riflessioni dopo il presidio in difesa di Bartleby

Utente: Gloria
29 / 6 / 2009

Questa mattina dalle ore sei un centinaio di studenti si sono trovati davanti a Bartleby per impedire un nuovo sgombero da parte della polizia. Negli ultimi giorni l’Università di Bologna ha avviato un forte attacco contro gli occupanti di Bartleby, attraverso provvedimenti disciplinari ad personam e la minaccia di un nuovo sgombero. Il tutto ancora una volta giustificato da necessità puramente tecniche. Il primo sgombero fu giustificato con l’inagibilità dell’edificio, questa volta  si pone la necessità di procedere con un cantiere all’interno dello stabile di via Capo di Lucca.
Bartleby ha sempre dichiarato la propria disponibilità a far effettuare i lavori, chiedendo all’Università di non intervenire con la polizia e di avviare un dialogo costruttivo tra studenti e rettorato.
Questa mattina, qualche sedia e un divano per strada, una viola, una batteria e un flauto..... caffè e cornetti per tutti, dall’alba in strada ad aspettare l’arrivo degli operai e impedire l’arrivo della polizia.
E così è stato, la polizia non si è presentata. Bartleby ancora una volta grazie alla partecipazione delle studentesse e degli studenti che in questi mesi hanno costruito con noi questa esperienza fatta di condivisione di saperi, di costruzione di un cantiere di ricerca sulla produzione artistica comune a studenti dell’Università, dell’Accademia e lavoratori del teatro comunale, ha creato un momento pubblico forte che ha impedito l’arrivo della polizia in via Capo di Lucca.
Bartleby resiste. I suoi progetti e le sue attività continuano.

Noi non ci fermiamo e andiamo avanti. Pronti a dialogare con chi non teme un confronto costruttivo. Siamo noi la messa in crisi della governance universitaria, la trama rotta nella rete delle maglie securitarie, il filo d'erba che spunta tenace nell'asfalto.
Attendiamo ancora l’arrivo degli operai, l’avvio del cantiere per la costruzione del progetto Lepida (rete pubblica regionale di internet a banda larga) e quindi il raggiungimento di una soluzione ragionevole a questi problemi.

Bartleby spazio occupato
Libera spazi – Condividi saperi – Reclama reddito

Bookmark and Share