Dal Manifesto.info

La torre dell'intolleranza

Comuni sceriffi. Nella città delle tre università non si contano più gli sgomberi delle esperienze autorganizzate, Rebeldìa in testa. Mentre l'ansia securitaria del centrosinistra porta palazzo Gambacorti a progettare un autentico pogrom di gran parte delle comunità rom, compresi residenti in città fin dagli anni '90.

29 / 12 / 2014

Pubblichiamo un articolo apparso sul Manifesto il 27.12 nel quale si riesce a fotografare propriamente le tecniche di governo locale e amministrativo di un Comune guidato da anni dal Partito Democratico, tra pacchetti sicurezza, ordinanze xenofobe e contro la socialità, sgomberi coatti. Un mix di soffocamento delle esperienze di movimento, di restrizione della cittadinanza sociale e autoritarismo bieco che ha certamente contribuito a rendere Pisa un vero laboratorio per la nuova configurazione del partito di maggioranza nel Paese. Non è difficile trovare un'analogia con il "regime Gentilini" di Treviso, le sue politiche interne per quanto riguarda le diversità (etniche, di classe o di genere) e la gestione dei movimenti, come ha esemplificato il duro attacco che ha sempre sferzato a ZTL-Django e di cui si è fatto prosecutore il governo attuale del PD:

Pisa come la Tre­viso degli anni ’90? La città delle tre uni­ver­sità, che ogni anno ricorda Franco Seran­tini, che ha nella curva nord “Mau­ri­zio Alberti” un esem­pio di tifo­se­ria soli­dale e anti­fa­sci­sta, dovrebbe essere impa­ra­go­na­bile con l’ex feudo leghi­sta del sin­daco sce­riffo Gen­ti­lini. Eppure sotto la Torre pen­dente va in scena da qual­che anno un tri­stis­simo spet­ta­colo fatto di con­ti­nui sgom­beri e auten­tici pogrom, come quello rac­con­tato in que­sta pagina ai danni della sto­rica comu­nità rom della Bigattiera.

Il cen­tro­si­ni­stra pisano che ammi­ni­stra la città da palazzo Gam­ba­corti sta rag­giun­gendo più di un record in fatto di intol­le­ranza. A par­tire dall’incredibile numero di sgom­beri che sta accom­pa­gnando il cam­mino del Pro­getto Rebel­dìa e della sua filia­zione nel Muni­ci­pio dei beni comuni, per finire con le dichia­ra­zioni dell’assessora alle poli­ti­che sociali San­dra Capuzzi. Un’amministratrice che, in spre­gio a ogni prin­ci­pio di quella lega­lità che a parole dice di voler difen­dere, è arri­vata a negare diritti su base etnica, chie­dendo alla pre­fet­tura di avviare azioni per limi­tare il numero dei rom e sinti sul territorio.

Alla presa di posi­zione dell’assessora, che fa parte della giunta Pd-Sel-Psi-centristi del sin­daco dem Marco Filip­pe­schi, hanno subito repli­cato Africa Insieme, Pro­getto Rebel­dìa, Osser­vA­zione e il Comi­tato per i diritti dei bam­bini e delle bam­bine della Bigat­tiera, con una denun­cia al Pre­fetto e all’Unar (Uffi­cio nazio­nale anti discri­mi­na­zioni raz­ziali). Per otte­nere una ret­ti­fica. E ricor­dando che né lo Stato, né tanto meno una ammi­ni­stra­zione comu­nale, può per legge discri­mi­nare una comu­nità stra­niera dalle altre. Per­ché, sem­pli­ce­mente, non si pos­sono negare diritti su base etnica.

“A quale prin­ci­pio di lega­lità risponde la minac­ciata cac­ciata di circa 400 per­sone di etnia rom – chie­dono intanto dai ban­chi dell’opposizione Una città in Comune e Rifon­da­zione — per lo più ita­liane o resi­denti nel comune di Pisa da circa vent’anni per­ché pro­fu­ghi in fuga dalla guerra nella ex Jugo­sla­via? In che modo si intende ‘sele­zio­nare’ que­ste fami­glie? E che senso ha il ter­mine ‘nomadi’ per per­sone che vivono qui dagli anni ’90?”. Tutte domande legit­time, alle quali palazzo Gam­ba­corti risponde con gli sgom­beri e le ruspe. Utili a richia­mare le tele­ca­mere e i cro­ni­sti, certo. Ma che ser­vono (soprat­tutto) a nascon­dere il fatto che le cri­ti­che dei cit­ta­dini, nei quar­tieri in cui sono dislo­cati alcuni campi, non sono pro­vo­cate tanto dalla pre­senza delle fami­glie rom, ma dall’assenza di qual­siasi pro­getto sociale, cul­tu­rale, ambien­tale e rela­zio­nale serio, pia­ni­fi­cato e non estem­po­ra­neo, da parte di una ammi­ni­stra­zione forte con i deboli e debo­lis­sima con i forti. Vedi palazzo Boyl.

Tratto da:

Bookmark and Share