Genova 2011 - Assemblea Uniti contro la crisi, uniti per l'alternativa

Tutti i video degli interventi

22 / 7 / 2011

Molto partecipata l'assemblea nazionale di Uniti contro la crisi, uniti per l'alternativa nello spazio del Porto antico di Genova. Centinaia di persone hanno partecipato a un dibattito molto serrato con una ventina di interventi: dalla Fiom agli occupanti del Teatro Valli, passando dalla Rete della Conoscenza agli studenti, alla rete nazionale per la giustizia climatica e ancora il No dal Molin e moltissime realtà di movimento e spazi sociali da tutta Italia.

Comunicato conclusivo

Ad aprire i lavori il saluto di Don Andrea Gallo, infaticabile in queste giornate per i dieci anni del G8. E con la sua invocazione al pubblico, si aprono i lavori: “se non ora quando, su la testa!”. E proprio a dieci anni da quei giorni di luglio, oggi si cercano risposte e nuovi spazi per uscire dal modello che già allora ci veniva imposto. Se allora un'altro mondo era possibile oggi è necessario, è lo slogan ripetuto più volte dai tanti e tante che prendono parola.

Molti i temi al centro della discussione, ma la sfida più ambiziosa è provare a far diventare questo percorso, che ha tenuto insieme le molte mobilitazioni di quest'anno, una costruzione di alternativa che parta dal comune e dia un senso all'unità delle diversità che compongono questo spazio. Se anche la democrazia è in crisi e un cambiamento è necessario, a partire da qui si cerca una capacità di presa di parola collettiva per una nuova idea di democrazia. Si parla anche di costruzione di nuove mobilitazioni in autunno e di un percorso che parta da una discussione franca e reale, che sappia andare oltre le appartenenze e rimettere al centro i temi: dai beni comuni, al reddito, ai contratti di lavoro, al welfare, allo smantellamento della scuola e dell'Università. Un apputamento che ha saputo non dimenticare cosa è sucesso a Genova 10 anni anni fa e contemporaneamente immaginarsi un percorso più ampio che possa parlare a tanti e tante.

Per questo l'invito conclusivo è la proposta di un'assemblea a Roma il 17 settembre per costruire una scadenza di mobilitazione a ottobre. Uno spazio pubblico di lotta e di parteciapzione per un nuovo modello di uscita dalla crisi. La suggestione è l'avvio di un cantiere di ricerca che provi a mettere in pratica un nuovo immaginario politico complesso, condivisibile  e che si ponga la sfida di tradurre completamente, in un progetto ambizioso, la voglia di cambiamento che attraversa questo paese.

Il saluto di Don Andrea Gallo

vai alla seconda parte dell'intervento

L'introduzione di Paolo di Genova

vai alla seconda parte dell'intervento

vai alla terza parte dell'intervento

Gli interventi di Barozzino - Fiom Melfi, Claudio Riccio - Rete della conoscenza - Francesco Raparelli - UniCommon

vai all'ultima parte dell'intervento di Francesco Raparelli

Vilma Mazza - R.i.g.a.s , Giacomo - Uds Genova, Isabella - Teatro Valle Occupato

Tommaso Cacciari - Andrea Alzetta - Action Roma, Francesco Pavin - No dal Molin Vicenza

Giuseppe De Marzo  - A Sud, Luca Spadoni - Link, Luca Casarini

Maurizio Landini - segretario generale Fiom,  Michele De Palma - Fiom Reggio Emilia, Gianni Rinaldini - Fiom

Eleonora, Roma - Gianmarco De Pieri - Global Project, Tpo Bologna

Bookmark and Share

Genova 2011- Uniti contro la crisi, uniti per l'alternativa

Genova 2011- Uniti contro la crisi, uniti per l'alternativa