#EmilioResisti - Il 24 gennaio tutt* a Cremona

Comunicato della Coalizione dei Centri Sociali dell'Emilia Romagna

20 / 1 / 2015

Nel tardo pomeriggio di domenica circa 60 militanti di CasaPound - provenienti, oltre che da Cremona, da Mantova, Brescia e Parma - armati di mazze e spranghe hanno attaccato il centro sociale Dordoni di Cremona e gli 8 militanti che si trovavano al suo interno. Ancora una volta la violenza squadrista compie il suo rituale, ancora una volta decine e decine di camerati si scagliano di sorpresa contro pochi. Mentre l'attacco fascista veniva respinto, un militante del centro sociale - Emilio - è stato colpito alla testa con sprangate e calci che gli hanno provocato un forte emorragia celebrale. Al momento si trova in ospedale in coma farmacologico. Inoltre poco dopo è accorsa sul posto la celere che ha caricato i compagni e le compagne coprendo di fatto la ritirata dei fascisti.

A Emilio, ai compagni e alle compagne del CSA Dordoni ed a tutti gli antifascisti cremonesi va il nostro abbraccio e tutta la nostra solidarietà.

Solo pochi mesi sono passati dall'aggressione dei supporters dell'Ardita di Roma, colpevoli di proporre un tipo di sport differente. Ma la mente va al ricordo di una lunga scia di uccisioni, pestaggi e agguati ad opera di fascisti nei confronti di migranti, omosessuali e militanti di sinistra in Italia ed in tutta Europa, per ricordarci di come oggi come ieri la presenza di fascisti sia stata sempre utile al comando per conservare l'ordine costituito.

Ma oggi, in questa postdemocrazia europea, il fascismo assume carattere differente: non più mero agente della conservazione ma vero e proprio asse costituente di un Europa dei nazionalismi, del razzismo e dell'oscurantismo cristiano. Russia, Ucraina, Ungheria, Grecia, Francia, Svezia, Inghilterra e tanti altri paesi dove le forze fasciste, populiste e nazionaliste - talvolta antagoniste tra loro, molto spesso alleate - o governano o si apprestano a farlo.

Proprio in questo contesto operano gruppi di estrema destra come CasaPound, prima coperti e appoggiati dal PDL e in particolare a Roma da Alemanno; in seguito alleati e sostenuti dal nuovo progetto nazionalista di Salvini e della Lega Nord. Fascisti che sono stati accolti a braccia aperte il 18 ottobre scorso a Milano nel corteo Stop Invasione lanciato appunto dal segretario della Lega Nord e che ha visto sfilare un migliaio di militanti di CasaPound.

Per Emilio, per tutte le compagne e i compagni cremonesi e per rimarcare che i fascisti non hanno agibilità nelle nostre città aderiamo e saremo presenti al corteo nazionale antifascista, determinato, autodifeso e militante indetto a Cremona per SABATO 24 GENNAIO.

Chiudere tutti i covi fascisti per un'Europa dei diritti contro ogni nazionalismo!

Coalizione dei centri sociali dell'Emilia Romagna

Bookmark and Share