Call for action - "Non saremo complici dei vostri crimini"

Appello per una mobilitazione universitaria giovedì 21 gennaio in solidarietà agli accademici arrestati in Turchia

18 / 1 / 2016

Come studentesse, studenti, ricercatrici, ricercatori e docenti della comunità accademica, manifestiamo la nostra solidarietà nei confronti dei 12 professori arrestati venerdì in Turchia per aver espresso la loro opposizione in merito alle operazioni militari a danno della popolazione curda. Da settimane, infatti, nel sud-est della Turchia è in atto un "massacro deliberato e pianificato" contro i civili curdi che ha provocato almeno duecento vittime.

Settimane fa un appello è stato lanciato e firmato da 1.128 accademici provenienti da diverse università turche e ha raccolto l'adesione di migliaia di intellettuali di tutto il mondo (come Noam Chomsky). Gli Accademici per la Pace si erano detti pronti a continuare la loro battaglia fino a quando Ankara non avrebbe soddisfatto le loro richieste. 

Ma per il presidente turco Recep Tayyp Erdogan, sottoscrivere un appello in cui si chiede di mettere fine alle violenze perpetuate dall'esercito turco nel sud est del Paese, rappresenta un "atto terroristico a favore del Pkk".

Non c'è quindi da stupirsi se Erdogan, a poche ore dall'attentato di Istanbul dello scorso 12 gennaio, oltre a paragonare la resistenza curda ai militanti di Daesh, aveva già spostato tutta l'attenzione sui curdi e attaccato fortemente  la petizione, definendo i firmatari  "traditori". 

Così, la notizia dell'arresto di dodici docenti turchi dell'Università di Kocaeli, a nord ovest del Paese, non è altro che l'ennesima, tragica, folle decisione di chi cerca in tutti i modi di negare diritti e libertà. 
Gli intellettuali, dopo aver subito raid nelle proprie abitazioni, sono stati accusati di aver insultato la Turchia e di "dare appoggio ai terroristi del Pkk". Assieme a loro restano indagati tutti i firmatari dell'appello.

Come studentesse e studenti della comunità accademica internazionale, crediamo nella salvaguardia del sapere e della libertà di pensiero e chiediamo a tutto il mondo accademico di prendere una posizione di condanna in merito a questo gravissimo episodio. 
Continueremo a sostenere la resistenza del popolo curdo che si ritrova a combattere sia contro Daesh, sia contro le barbarie dell'esercito turco.

Anche noi "non saremo parte di questo crimine".
Contro qualsiasi forma di fascismo, di fondamentalismo e di repressione invitiamo alla mobilitazione! 

I collettivi di Padova, Trento e Venezia invitano collettivi, ricercatori, docenti e tutto il corpo vivo degli Atenei a scendere in piazza GIOVEDI' 21 GENNAIO ciascuno secondo le proprie modalità!

In quella giornata verrà data ampia diffusione anche dell'appello internazionale di solidarietà ai docenti arrestati, divulgato da UIKIonlus e Rete Kurdistan e rivolto ad accademic* e scienziat* di tutto il mondo.

Per dare visibilità, coordinare le azioni e per avere maggiori info

Milano:

fb      Collettivo Bicocca

Napoli:

fb      Dada

tw    @DadaUnina

Padova:

fb      Collettivo SPAM

tw    @SPAMcollettivo

mail  collettivospam@gmail.com

tel     3382830235

----

fb      DISC Padova

tw     @DiSC_Padova

mail    pavolo_90@hotmail.it

tel       34476439588

Perugia:

fb      CUC

tw     @CUCpg

Trento:

fb      Refresh Lab

tw    @Refresh_Lab2013

mail  refreshlab2013@gmail.com

tel     3474686083

Venezia:

fb    LISC

tw    @liscvenezia 

mail  lisc.venezia@gmail.com 

tel     3475208820

Bookmark and Share