Updates da Palermo

Attacco al Laboratorio Zeta

20 / 1 / 2010

Aggiornamenti alle 16.45

-> Rilasciati gli arrestati<- 

Tutti liberi i tre fermati. Per uno di loro decadono le accuse, per gli altri due attivisti rimane l'accusa di oltraggio, resistenza e lesioni, ma non vengono accolte le richieste di obbligo di firma nonostante il pressing della Polizia.

Comincia ora l'assemblea cittadina in via Boito.

Aggiornamento 15.20

Continua il presidio in via Boito e viene rinnovato l'appello per i cittadini di Palermo a raggiungere il Laboratorio Zeta.

Un cordone di Polizia in assetto anti-sommossa separa il presidio dai richiedenti asilo che stanno contribuendo a sostenere la resistenza del Laboratorio.

Un'incaricata dell'Acnur ha incontrato i rifugiati, nonostante un iniziale proibizione della Polizia, che ribadiscono di non voler lasciare via Boito. 

A breve notizie sull'inaccettabile arresto dei tre attivisti avvenuto ieri. (http://www.youtube.com/watch?v=vo6dRMLWiT4)

Aggiornamento ore 09.00

Nella notte il presidio è continuato, moltissimi cittadini sono arrivati per difendere il Laboratorio Zeta e per protestare contro le violenze della polizia che nel corso della giornata ha ripetutamente caricato gli attivisti del Laboratorio.

I rifugiati, ospitati all'interno del Laboratorio, hanno rifiutato di spostarsi nelle tende proposte dal Comune ed hanno continuato a difendere il Laboratorio Zeta.

Il presidio continua anche ora e l'invito è a raggiungere via Boito 7 (vicino a via Notar Bartolo).

Attualmente tre cittadini sono in stato d'arresto, in attesa del processo per direttissima per resistenza ed oltraggio. Tra essi c'è un professore di religione.

Alle 16.30 è indetta un'assemblea pubblica per rilanciare le iniziative in difesa del Laboratorio Zeta.

____________________-________________

Un imponente dispiegamento di forze dell'ordine sta tentando di sgomberare da stamattina il Laboratorio Zeta di Palermo dopo nove anni di occupazione.. Insieme alle compagne e ai compagni, decine di rifugiati politici sudanesi che vivono all'inetrno della struttura, hanno cercato dal primo momento di resistere. Molte altre persone hanno raggiunto in pochissimo tempo lo spazio per salvaguardare un'importante esperienza politica, sociale e culturale indipendente in terra siciliana.

La situazione è tesa. I plotoni di polizia si stanno avvicinando all'edificio, presidiato da decine di persone arrivate sul posto, dopo aver saputo dello sgombero. Caschi e scudi in mano.

Aggiornamento ore 18.30

Polizia e carabinieri hanno effettuato una carica contro il presidio che stava protestando contro lo sgombero del laboratorio Zeta. I manifestanti sono stati malmenati e cacciati dalla via dove si trova lo spazio occupato . In questo momento ci sono due compagni fermati e altri che resistono  sul tetto dell'edificio.I rifugiati politici, che da due anni vivono dentro il laboratorio Zeta, hanno deciso di passare la notte fuori lo spazio sgomberato.

Aggiornamento ore 16.00

E' stata indetta un'assemblea permanente del centro sociale proprio davanti all'edificio sgomberato. Alcuni ragazzi hanno anche deciso di montare in strada alcune tende. Sui tetti rimangono gli attivisti, mentre la polizia sta murando la struttura che ospita il centro sociale. Per questa notte i rifugiati che vi avevano trovato ospitalità hanno deciso di passare la notte nel piazzale antistante il Lab. Zeta.

Aggiornamento ore 15.00

La polizia ha caricato due volte il presidio che si è formato fuori dal Laboratorio Zeta. Nonostante questo la resistenza in difesa dello spazio sociale prosegue. Dopo gli sgomberi della scorsa settimana a danni di cittadini migranti, pare evidente la scelta politica di voler togliere alla città uno dei pochi spazi che offre ospitalità ai migranti.

Aggiornamento ore 13.10

Da ore i rifugiati politici sudanesi che abitano da anni nel Laboratorio Zeta di Palermo e circa cento persone, tra dentro e fuori, stanno impedendo lo sgombero. Si parla di una trattativa in corso tra Comune e Prefettura. Per ora aumenta lo spiegamento di polizia e carabinieri tutti in assetto antisommosa.

Bookmark and Share

Playlist

Il tentativo di sgombero

Palermo - Lab Zeta sotto sgombero 1


Warning: Illegal string offset 'id' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 51

Warning: Illegal string offset 'fullurl' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 51

Warning: Illegal string offset 'fullurl' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 56

Palermo - Lab Zeta sotto sgombero 2


Warning: Illegal string offset 'id' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 51

Warning: Illegal string offset 'fullurl' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 51

Warning: Illegal string offset 'fullurl' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 56

Sgomberato lo Zetalab


Warning: Illegal string offset 'id' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 51

Warning: Illegal string offset 'fullurl' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 51

Warning: Illegal string offset 'fullurl' in /home/clients/04268b49c6b316c7649b7990a1a641a4/sites/www.globalproject.info/htdocs/data/finn_core/fields/media/webVideoProviders/youtube.php on line 56