Comunicato

Potenza - Al fianco dei fratelli africani in rivolta

Manifestazione lunedi 11 Gennaio alla Prefettura di Potenza

Utente: forvit
10 / 1 / 2010

I migranti di Rosarno hanno avuto il coraggio di ribellarsi. Ribellarsi ad un sistema politico-mafioso-razzista che li vede sfruttati continuamente nelle campagne di Campania, Puglia, Basilicata, Calabria nei diversi periodi di raccolta. Sono gli stessi che si spostano in queste regioni in cerca di un lavoro che serva a migliorare le loro condizioni di vita e invece trovano le stesse condizioni disumane, ovunque, fatte di sfruttamento lavorativo per pochi spiccioli in cambio di molte ore di lavoro, fatte di posti luridi dove accamparsi senza le minime condizioni igieniche e sanitarie. Alcuni dei migranti di Rosarno provengono anche dal centro di Accoglienza di Palazzo San Gervasio e dalle campagne venosine, dove il trattamento che hanno subito non è stato molto diverso.Ma giovedì i braccianti di Rosarno hanno deciso di dare un forte segnale, dopo l'ennesima aggressione che alcuni di loro hanno subito. Questo infatti è solo l'ultimo di una serie di episodi che a Rosarno, così come a Castelvolturno hanno visto i migranti vittime di pestaggi, spari e anche furti.A tutto questo si unisce la mancanza del riconoscimento dei diritti fondamentali, l'esclusione da ogni sanatoria, i processi di clandestinizzazione favoriti dalla Bossi-Fini e dal pacchetto sicurezza, la mancanza di accoglienza per i rifugiati politici, che consegnano migliaia di persone all'arroganza degli sfruttatori e alla violenza dei razzisti. La risposta dello stato c'è stata, ed è stata quella di trasferire i migranti nei centri di identificazione ed espulsione CIE di Crotone e Bari dove dovrebbero essere liberi di andare e dove non gli verranno controllati i documenti. Ma sappiamo che non sarà così, soprattutto dopo le dichiarazioni del Ministro Maroni che ha affermato che la rivolta degli africani è il risultato di troppa tolleranza nei loro confronti. E' questa la risposta che lo stato ha dato alle cosche della piana di Gioia Tauro e ai loro affiliati, gli stessi che li sfruttano nei loro campi e li sottopagano. E questa è una pratica ormai diffusa che si verifica in tutte le aree dove i migranti transitano per i lavori stagionali nelle campagne, ossia quella degli sgomberi alla fine delle campagne lavorative, quando non servono più, facendo così anche risparmiare i soldi di quelle misere paghe ai loro sfruttatori. E' successo a Palazzo San Gervasio (PZ), a San Nicola Varco (Sa) e ora a Rosarno.
E' per dire basta a queste politiche razziste e xenofobe
E' per chiedere una reale accoglienza a chi viene in queste terre solo in cerca di una vita degna
E' per non lasciare soli chi ha avuto il coraggio di ribellarsi

che lunedi' 11 Gennaio alle ore 16:00 saremo sotto la Prefettura di Potenza

Invitiamo tutti a partecipare

CONTRO OGNI FORMA DI RAZZISMO

Bookmark and Share