Coordinazione virtuale e solidarietà attiva a chi lotta in Italia. E la volontà chiara: abbiamo appena cominciato.

Fermiamo la Gelmini. Anche a Parigi.

Prossimo appuntamento domani all’Arco di Trionfo, ma già ci si prepara per il 14 dicembre.

29 / 11 / 2010

Oggi a Parigi una sessantina di studenti italiani, dopo essersi dati appuntamento su facebook, si sono ritrovati davanti alla Sorbona, esibendo uno striscione dal chiaro messaggio “fermate il ddl Gelmini”. La piccola azione non vuole che essere un gesto di solidarietà alle lotte che ci sono adesso per tutta Italia, contro la riforma universitaria.

Al di là al gesto simbolico, l’incontro è stato occasione di conoscenza tra tutta una serie di giovani desiderosi di dare una risposta a livello europeo su quanto accade oggi nella penisola. Nell’assemblea volante, sorta spontaneamente sul posto e tenutasi con la sola forza delle proprie ugole, i ragazzi e le ragazze hanno organizzato un appuntamento per un’azione l’indomani mattina alle 9 all’Arco di Trionfo: gesto che vuole essere gioioso ma deciso, e che sarà in concomitanza con le mobilitazioni previste per tutta Italia, nel giorno della votazione del decreto legge contestato.

È anche emersa l’urgenza di costruire un percorso che porti alla data del 14 dicembre, quando si voterà la fiducia al governo Berlusconi. Anche per allora sono previste numerose mobilitazioni, tra cui una manifestazione nazionale a Roma della rete Uniti contro la crisi. Viene rimarcata inoltre l’importanza di coinvolgere in questo progetto tutti gli italiani, studenti ma non solo, che attualmente vivono nelle altre grandi e piccole città d’Europa, per costruire una rete internazionale di mobilitazione in vista del 14 dicembre.

Links Utili:

Bookmark and Share